Promuove la mobilità circolare e il ritorno dei migranti moldavi nel mercato del lavoro locale

Il Progetto D.O.M.D.E. 2 promuove la mobilità circolare e il ritorno dei migranti moldavi nel mercato del lavoro locale, valorizzando le competenze acquisite. Coinvolge la Diaspora in Italia e si basa sulla cooperazione Italia-Moldova, in linea con obiettivi europei. PuntoSud è incaricato di contribuire al rafforzamento delle competenze della Commissione Nazionale per l’Imprenditoria Sociale.

Il Progetto D.O.M.D.E. 2 intende promuovere, con il coinvolgimento diretto della Diaspora in Italia, schemi di mobilità circolare e di rientro produttivo dei migranti moldavi nel mercato del lavoro locale attraverso lo sviluppo dell’economia sociale nel Paese di origine, valorizzando le competenze professionali acquisite nel processo migratorio.

Il Progetto si inserisce nel quadro della cooperazione bilaterale tra l’Italia e la Repubblica di Moldova in materia di migrazione e lavoro ed è in linea con gli obiettivi del Partenariato per la Mobilità UE-Moldova (2008), con gli impegni assunti nel quadro dell’Accordo di associazione UE-Moldova (2014), con l’approccio descritto nel Patto UE su Migrazione e Asilo (2020) e con il Piano d’azione europeo sull’economia sociale (COM (2021) 778).

Capofila del Progetto è il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali – Direzione Generale dell’immigrazione e delle politiche di integrazione e partner in Italia: ANPAL Servizi SpA, e Agenzia Veneto Lavoro (AVL), nella Repubblica di Moldova: il Bureau per le Relazioni con la Diaspora (BRD) e l’Organizzazione per lo Sviluppo delle Imprese (ODA).

L’obiettivo generale dell’iniziativa è quello di migliorare le opportunità di migrazione circolare sostenibile tra Italia, UE e Moldova, coinvolgendo direttamente Autorità centrali e locali e stakeholder, promuovendo investimenti nell’imprenditoria sociale da parte della Diaspora moldava.

Le nostre attività principali:

Nel quadro dell’obiettivo di miglioramento delle competenze e delle capacità degli stakeholder pubblici e privati a livello nazionale e locale, PuntoSud è incaricato di delineare e realizzare un’azione di rafforzamento della Commissione Nazionale per l’Imprenditoria Sociale della Moldova.

Europa

Moldavia

DONATORE/I
Unione Europea – AMIF programme, attraverso il Migration Partnership Facility

BENEFICIARI

  • 15 membri della commissione per l’imprenditoria sociale del governo della Moldova

BUDGET PROGETTO
EUR 1.320.413.23

ANNO
2022 – 2025

SETTORI DI INTERVENTO  

Capacity building e formazione, Supporto all’imprenditoria/Microcredito/Microfinanza

SDGs
SDGs Reduced Inequalities

LA STORIA DEL PROGETTO

PARTNER
15 consorzi finanziati

BUDGET PROGETTO
5555 EURO

PARTNER
15 consorzi finanziati

BUDGET PROGETTO
5555 EURO

PARTNER
15 consorzi finanziati

BUDGET PROGETTO
5555 EURO

  • €100.000

    valore progetto

  • 125

    alunni della scuola primaria

  • 250

    genitori

  • 20

    insegnanti

CONDIVIDERE: ALTRI PROGETTI

Coinvolgere i giovani cittadini europei rurali in un approccio attento al genere per la protezione del suolo

Il progetto ‘Rural Voices’, finanziato dalla Commissione Europea – programma DEAR, vede la partecipazione di 12 organizzazioni distribuite in 14 paesi europei, e si impegna nelle comunità rurali introducendo un innovativo approccio basato sull’apprendimento per l’educazione non formale in queste aree. Coinvolgerà ben 21 milioni di giovani cittadini rurali europei, sensibilizzandoli sia a livello locale che globale verso lo sviluppo sostenibile delle loro comunità rurali. PuntoSud sarà responsabile della gestione del financial support.

Leggi di più

Formazione umanitaria di volontari del Corpo Volontario Europeo per l’Aiuto Umanitario

Il programma del Corpo Europeo di Solidarietà mira a fornire ai giovani, compresi quelli con meno possibilità, opportunità facilmente accessibili per impegnarsi in attività di solidarietà, migliorando e certificando le loro competenze.

Leggi di più

Società civile e diritti umani in Eswatini

In Eswatini ci occupiamo di rafforzare le associazioni che si occupano di diritti umani attraverso la diffusione di conoscenze e metodi partecipativi , e facilitando il lavoro delle reti locali e l’interazione tra i diversi soggetti pubblici e privati coinvolti nel paese africano.

Leggi di più