SUBLIME – Gli SDG uniscono le comunità di confine quali leader dell’inclusione, della mobilitazione e della responsabilizzazione

SUBLIME intende sostenere le autorità locali nella sensibilizzazione sulle interdipendenze globali, l‘uguaglianza di genere e la sostenibilità nelle città e nelle isole di confine dell’UE. Si concentra sulla responsabilizzazione dei cittadini, sulla promozione di azioni per il clima e sulla promozione dell’uguaglianza di genere. Il progetto si basa su iniziative e partenariati precedenti per migliorare il processo decisionale incentrato sugli SDG e le società inclusive.

Negli ultimi 15 anni, i Comuni hanno acquisito importanza nella promozione dello sviluppo sostenibile, dando priorità al bene comune e abbracciando il loro ruolo nell’agenda globale. Le autorità locali (LA) sono fondamentali per affrontare le sfide globali, allineare le strategie con gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs) e collaborare con le organizzazioni della società civile (CSO) per uno sviluppo sostenibile completo che comprenda le dimensioni economica, sociale e ambientale. Tuttavia, le città di confine e le isole affrontano problemi di sostenibilità unici, come i flussi migratori irregolari, e mancano di riconoscimento, sostegno e coordinamento all’interno degli Stati e tra di loro. Allo stesso modo, i comuni più piccoli devono affrontare sfide come la creazione di reti, l’azione tempestiva e il coinvolgimento dei cittadini.

Per affrontare questi problemi, SUBLIME mira ad assistere le autorità locali come attori non formali di educazione allo sviluppo e sensibilizzazione (DEAR), migliorando la comprensione della comunità delle interdipendenze globali, tra cui l’uguaglianza di genere, la sostenibilità ambientale e il riscaldamento globale. Il progetto cerca di favorire l’inclusione delle città e delle isole di confine dell’UE, promuovendo società interconnesse con un senso di corresponsabilità per lo sviluppo sostenibile locale e globale. Tra i suoi obiettivi, c’è quello di mettere le autorità locali in condizione di sostenere stili di vita sostenibili, azioni per il clima e uguaglianza di genere, e di incoraggiare la partecipazione dei cittadini nell’affrontare le sfide dello sviluppo sostenibile.

SUBLIME si ispira a iniziative passate come “Snapshots from the Borders” e la Border Towns and Islands Network (BTIN), sottolineando la collaborazione tra le autorità locali e le CSO. Le partnership con altre organizzazioni rafforzano ulteriormente l’impatto del progetto.

In definitiva, SUBLIME mira a coinvolgere i cittadini nello sviluppo sostenibile globale, promuovendo società inclusive e mettendo le comunità di confine in condizione di affrontare efficacemente le sfide globali.

Le nostre attività principali:

Nel quadro della strategia SUBLIME, PuntoSud è incaricato della definizione e della progettazione dei meccanismi di sostegno finanziario a terzi.

Europa

Austria, Bulgaria, Cipro, Francia, Grecia, Italia, Malta, Polonia, Romania, Slovenia

PARTNER

Il partenariato coinvolge 11 autorità locali e 14 OSC in 11 paesi

  • Italia: Comune di Lampedusa e Linosa, AMREF, Fondazione Punto.Sud, Lai-Momo Societa Cooperativa”
  • Malta: Kunsill Lokali Msida, Koperazzjoni Internazzjonali – Malta (Kopin)
  • Austria: Strass in Steiermark “Sudwind Verein Fur Entwicklungspolitik Und Globale Gerechtigkeit”
  • Bulgheria: Burgas Municipality, Chance for the Children and the Nature of Bulgaria Foundation
  • Cipro: Nicosia Development Agency, “HFC “”HOPE FOR CHILDREN”” CRC POLICY CENTER”
  • Grecia: Municipality Of West Lesvos, Impact Hub Labs
  • Francia: Grandesynthe
  • Ungheria: Kisharsány Községi Önkormányzat, Cromo Alapítvány
  • Slovenia: “Zavod za izobraževanje in kulturo Črnomelj”,”Iscomet-Institut Za Etnicne In Regionalne Studije Zavod”
  • Romania: Tulcea PMT, Novapolis Association – Center Of Analysis And Initiatives For Development
  • Polonia: The City of Suwałki, Fundacja Pomocy Wzajemnej Barka
  • EU Level: “ICLEI EUROPEAN SECRETARIAT GMBH; Impact Hub Association

DONATORE/I
Unione Europea – DEAR Programme

BENEFICIARI

  • 210 rappresentanti delle autorità locali (LA) dell’UE nei Paesi partner, tra cui sindaci, consiglieri e personale amministrativo
  • 30 rappresentanti delle LA nei Paesi del vicinato dell’UE, Bosnia-Erzegovina, Moldavia e Tunisia
  • 150 responsabili politici a livello nazionale ed europeo
  • 550 insegnanti ed educatori
  • 110 cittadini che promuovono azioni win-win ispirate a modelli di business sociali e sostenibili
  • 15.000 giovani di età compresa tra i 15 e i 30 anni, 2.200 cittadini non sensibili e coinvolti nello sviluppo sostenibile e nelle sfide globali e 1.100 membri di comunità emarginate.

BUDGET PROGETTO
EUR 5.965.174

ANNO
2024 – 2028

SETTORI DI INTERVENTO  

Advocacy/Awareness raising/Comunicazione, Ambiente/Lotta al cambiamento climatico, Granting e Sub-granting, Società civile

SDGs
SDGs Reduced Inequalities SDGs Sustainable cities and communities SDGs Climate Action

LA STORIA DEL PROGETTO

PARTNER
15 consorzi finanziati

BUDGET PROGETTO
5555 EURO

PARTNER
15 consorzi finanziati

BUDGET PROGETTO
5555 EURO

PARTNER
15 consorzi finanziati

BUDGET PROGETTO
5555 EURO

  • €100.000

    valore progetto

  • 125

    alunni della scuola primaria

  • 250

    genitori

  • 20

    insegnanti

CONDIVIDERE: ALTRI PROGETTI

Coinvolgere i giovani cittadini europei rurali in un approccio attento al genere per la protezione del suolo

Il progetto ‘Rural Voices’, finanziato dalla Commissione Europea – programma DEAR, vede la partecipazione di 12 organizzazioni distribuite in 14 paesi europei, e si impegna nelle comunità rurali introducendo un innovativo approccio basato sull’apprendimento per l’educazione non formale in queste aree. Coinvolgerà ben 21 milioni di giovani cittadini rurali europei, sensibilizzandoli sia a livello locale che globale verso lo sviluppo sostenibile delle loro comunità rurali. PuntoSud sarà responsabile della gestione del financial support.

Leggi di più

Formazione umanitaria di volontari del Corpo Volontario Europeo per l’Aiuto Umanitario

Il programma del Corpo Europeo di Solidarietà mira a fornire ai giovani, compresi quelli con meno possibilità, opportunità facilmente accessibili per impegnarsi in attività di solidarietà, migliorando e certificando le loro competenze.

Leggi di più

Società civile e diritti umani in Eswatini

In Eswatini ci occupiamo di rafforzare le associazioni che si occupano di diritti umani attraverso la diffusione di conoscenze e metodi partecipativi , e facilitando il lavoro delle reti locali e l’interazione tra i diversi soggetti pubblici e privati coinvolti nel paese africano.

Leggi di più