Archivio per: Italia

Milano in Cartoline


Immaginare la città del futuro per progettare con i cittadini un futuro sostenibile del territorio in risposta al cambiamento climatico e costruire coesione sociale.

Milano in Cartoline – Immaginare la città del futuro intende costruire un processo decisionale, partecipativo e democratico con i cittadini di 3 Quartieri di Milano (Ponte Lambro – Molise Calvairate Ponti – Gratosoglio), per progettare con loro il futuro sostenibile del territorio, in risposta al cambiamento climatico e per costruire coesione sociale.



Nell’ottica di costruire un processo decisionale, partecipativo e democratico con i cittadini dei 3 Quartieri di progetto – Ponte Lambro, Molise Calvairate Ponti e Gratosoglio – per progettare con loro il futuro sostenibile dei propri territori, in risposta al cambiamento climatico e per costruire coesione sociale, le 3 organizzazioni partner hanno svolto con i cittadini laboratori e workshop. Durante questi momenti, gli abitanti sono stati invitati a riflettere sui bisogni specifici del loro quartiere e delle varie realtà che vi coesistono, sulle risorse umane, materiali, energetiche e culturali e i punti di forza disponibili, e come fosse possibile valorizzarli ed incrementarli, creando una specifica visione locale della sostenibilità tramite un processo di design partecipativo e democratico.

Ogni azione ha dunque perseguito i seguenti obiettivi, in linea con gli obiettivi del progetto:

  • Approfondire con i partecipanti le tematiche legate alla sostenibilità ambientale, affinché conoscano le condizioni del pianeta e siano a conoscenza degli obiettivi internazionali per la sua salvaguardia;
  • Favorire comportamenti quotidiani ecosostenibili, identificati sulla base di specifici bisogni riscontrati anche in prima persona;
  • Ideare strategie, strumenti, soluzioni per migliorare quartieri e città dal punto di vista ambientale;
  • Sensibilizzare alla sensibilizzazione su più larga scala.



Italia


Italia








BENEFICIARI

  • 1.500 tra studenti, insegnanti e famiglie


BUDGET PROGETTO

EUR 86.950



ANNO

2021 – 2022



SETTORI DI INTERVENTO  

Advocacy/Awareness raising/Comunicazione, Ambiente/Lotta al cambiamento climatico, Capacity building e formazione



SDGs
SDGs Reduced Inequalities SDGs Sustainable cities and communities SDGs Climate Action

IL PROGETTO IN NUMERI



  • 86.950

    valore progetto

  • 1.500

    studenti, insegnanti e famiglie

CONSOLIDARE: ALTRI PROGETTI

PASPED

PASPED è un progetto della durata di 21 mesi e finanziato da AICS Dakar finalizzato a promuovere lo sviluppo socio-economico del Senegal, attraverso la valorizzazione della diaspora senegalese e degli scambi fra Europa e Italia. 70 idee imprenditoriali, promosse da cittadini senegalesi che vivono in Italia (e/o Europa) saranno selezionate e supportate nell’elaborazione di business plans.

Leggi di più

Doniamo Energia

Attraverso la valutazione dei Bandi Energia, promossi da Fondazione Cariplo e dal Banco dell’Energia, contribuiamo allo sviluppo di modelli di intervento finalizzati ad evitare che le famiglie lombarde possano scivolare in situazione di fragilità, puntando sulla valorizzazione delle competenze e delle reti territoriali.

Leggi di più

Acri

ACRI

Stiamo lavorando per l’Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio (ACRI) alla definizione di un modello di intervento multi-attoriale in Africa, capace di aggregare risorse e valorizzare le competenze del sistema italiano di cooperazione, nei settori strategici dell’agroalimentare e dell’energia.

Leggi di più

PASPED


Progetto per contrastare la migrazione illegale attraverso il supporto al settore privato e la creazione di impiego in Senegal

PASPED è un progetto della durata di 21 mesi e finanziato da AICS Dakar finalizzato a promuovere lo sviluppo socio-economico del Senegal, attraverso la valorizzazione della diaspora senegalese e degli scambi fra Europa e Italia. 70 idee imprenditoriali, promosse da cittadini senegalesi che vivono in Italia (e/o Europa) saranno selezionate e supportate nell’elaborazione di business plans.



PASPED (Projet de contraste à la migration irrégulière à travers l’appui au Secteur Privé et à la création d’emplois au Sénégal) è un progetto della durata di 21 mesi e finanziato da AICS Dakar finalizzato a promuovere lo sviluppo socio-economico del Senegal, attraverso la valorizzazione della diaspora senegalese e degli scambi fra Europa e Italia.

L’idea di progetto nasce dalla collaborazione e dagli scambi con la diaspora senegalese in Italia e dall’obiettivo condiviso di promuovere idee imprenditoriali di cittadini senegalesi da realizzare nel loro paese d’origine, e – al contempo – di rafforzare le inter-connessioni fra Italia e Senegal e favorire la migrazione circolare.

In questo quadro, il progetto PASPED intende accrescere la conoscenza delle misure di supporto messe a disposizione dal progetto PLASEPRI/PASPED, da parte dei cittadini senegalesi in Italia, grazie alla rete di punti informativi e in collaborazione con i consolati di Milano e Napoli.

In particolare, verranno selezionate 70 idee imprenditoriali e i loro promotori supportati, grazie a formazione e coaching, nell’elaborazione dei business plan che saranno presentati ad AICS Dakar, che potrà riconoscere (ad almeno 50) un contributo finanziario a fondo perduto.

I risultati attesi grazie al progetto sono:

  • 70 idee imprenditoriali sono selezionate per essere elaborate, grazie ad un pacchetto diversificato di misure di supporto, per essere realizzate in Senegal
  • 13 operatori socio-economici sono stati selezionati nella diaspora senegalese per accompagnare lo sviluppo delle idee imprenditoriali
  • Almeno 42000 persone della diaspora senegalese sono informate sulle opportunità per lo sviluppo imprenditoriale nel loro paese d’origine




Italia, Senegal


WEBSITE


SETTORI DI INTERVENTO  

Capacity building e formazione, Migrazioni e diaspora, Supporto all’imprenditoria/Microcredito/Microfinanza



PARTNER





BENEFICIARI

  • 70 uomini/donne d’affari senegalesi, presenti legalmente in Italia e/o Europa, sono sostenute nello sviluppo di una loro idea di business da realizzare nel loro paese d’origine
  • 300 cittadini senegalesi hanno accesso a formazione e informazioni
  • 42.000 cittadini senegalesi sono sensibilizzati sui temi del progetto


BUDGET PROGETTO
EUR 19.974,83



ANNO
2021 – 2022



SDGs
SDGs Reduced Inequalities


IL PROGETTO IN NUMERI



  • € 19.974,83

    budget progetto

  • 70

    imprenditori senegalesi supportati

  • 300

    cittadini senegalesi formati

  • 42.000

    cittadini senegalesi sensibilizzati

CONSOLIDARE: ALTRI PROGETTI

Doniamo Energia

Attraverso la valutazione dei Bandi Energia, promossi da Fondazione Cariplo e dal Banco dell’Energia, contribuiamo allo sviluppo di modelli di intervento finalizzati ad evitare che le famiglie lombarde possano scivolare in situazione di fragilità, puntando sulla valorizzazione delle competenze e delle reti territoriali.

Leggi di più

Acri

ACRI

Stiamo lavorando per l’Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio (ACRI) alla definizione di un modello di intervento multi-attoriale in Africa, capace di aggregare risorse e valorizzare le competenze del sistema italiano di cooperazione, nei settori strategici dell’agroalimentare e dell’energia.

Leggi di più

best beyond stereotypes

Be.St – Oltre gli stereotipi di genere

Con il progetto Be.St. – Beyond Stereotypes promuoviamo nelle scuole primarie lo sviluppo di un approccio sistemico in grado di favorire relazioni tra bambini e bambine basate sul rispetto e la valorizzazione delle differenze, affinché le generazioni future siano più consapevoli delle proprie potenzialità.

Leggi di più

NoPlanetB

NOPLANETB


NOPLANETB – There isn’t a PLANet B! Win-win strategies and small actions for big impacts on climate change

NOPLANETB è un programma nato per favorire la diffusione di stili di vita sostenibili finanziando le migliori iniziative di comunicazione, sensibilizzazione e advocacy volte al contrasto ai cambiamenti climatici e promosse dalle organizzazioni della società di piccole e medie dimensioni, che beneficiano di un percorso di rafforzamento delle loro competenze e consolidano e/o ampliano la loro rete.



NOPLANETB è un progetto di advocacy e campaigning, co-finanziato dall’Unione Europea nell’ambito del Programma Development Education and Awareness Raising (DEAR), che ha l’obiettivo di supportare e favorire il coinvolgimento, la partecipazione e l’impegno dei cittadini sul tema della sostenibilità ambientale, in un’ottica di sviluppo globale.

Il progetto ha l’obiettivo di creare un ambiente favorevole attorno al concetto che “non esiste un PIANETA B”, in cui le organizzazioni della società civile di piccole e medie dimensioni svolgano azioni efficaci all’interno di un quadro comune condiviso, volto ad aumentare l’efficacia e la rilevanza dell’intervento, favorendo la creazione e il consolidamento di reti, a livello nazionale ed internazionale.

Le organizzazioni della società civile di piccole e medie dimensioni rappresentano il target principale del progetto, in quanto possono svolgere un ruolo fondamentale nella promozione di un cambiamento delle abitudini e dei comportamenti delle persone per diffondere stili di vita più sostenibili a livello locale. Le piccole azioni, che insistono su un territorio, infatti sono in grado di produrre benefici per la comunità di riferimento e di fare pressione sui livelli superiori di governance per istituzionalizzare buone pratiche e proporre soluzioni innovative, costruite dal basso. Le organizzazioni della società civile sono quindi in grado di connettere e mettere in relazione i diversi segmenti della società civile, nell’ottica di una transizione consapevole e reale verso stili di vita più sostenibili.

L’impatto del progetto si concretizza su tre diversi livelli:

  • Livello locale: le organizzazioni della società civile hanno realizzato piccole azioni coinvolgendo la cittadinanza e le comunità locali, in collaborazione con le istituzioni locali, con l’obiettivo di modificare i comportamenti dei/delle cittadini/e e dei decisori politici;
  • Livello nazionale: si attiva una collaborazione tra le organizzazioni della società civile coinvolte e altri attori chiave all’interno del proprio paese;
  • A livello paneuropeo: le organizzazioni della società civile in collaborazione con i partner del sono intervenuti a livello europeo con azioni coordinate e con un approccio coerente nei sei paesi del network..

Per poter produrre il suddetto impatto, NOPLANETB ha individuato tre componenti principali:

    • Supporto finanziario: un modello di regranting rivolto alle organizzazioni della società civile dei 6 paesi europei del network, per l’implementazione di progetti di qualità che contribuiscono alle priorità condivise stabilite dal progetto,
    • Sviluppo delle capacità / condivisione delle conoscenze: un percorso di accompagnamento delle organizzazioni beneficiarie del supporto finanziario con l’obiettivo di rafforzarne le competenze tematiche e gestionali durante l’ideazione e l’implementazione dei loro progetti,
    • Rafforzamento delle opportunità di networking: la costruzione di una rete, che valorizzi il capitale sociale, intercetti ambiti di collaborazione, identifichi nuove idee e ottimizzi i costi. L’attivazione di contatti e lo scambio di esperienze sono fattori chiave per creare effetti moltiplicatori e massimizzare l’impatto delle azioni proposte.

Le nostre attività principali

      • Sostegno finanziario alle organizzazioni della società civile di piccole e medie dimensioni selezionate nei sei paesi partner;
      • Istituzione di un helpdesk a supporto delle OSC selezionate nell’ottica di un accompagnamento costante durante l’ideazione e la gestione dei progetti;
      • Definizione ed erogazione di un programma di formazione condiviso dal network ma che ha tenuto conto delle e peculiarità di ciascun paese partner;
      • Sviluppo di una strategia di comunicazione comune e creazione di un hub virtuale per raccogliere, promuovere e condividere esperienze e buone pratiche;
      • Organizzazione di conferenze/incontri con soggetti terzi e autorità locali in ciascun paese partner.





Europa


Germania, Italia, Portogallo, Romania, Spagna, Ungheria


WEBSITE






BENEFICIARI

      • 500.000 cittadini europei
      • 90 organizzazioni piccole e medie della società civile europea
      • Governi locali


BUDGET
EUR 4.569.531



ANNO
2017 – 2021



SETTORI DI INTERVENTO  

Advocacy/Awareness raising/Comunicazione, Ambiente/Lotta al cambiamento climatico, Granting e Sub-granting, Società civile, Sviluppo sostenibile



SDGs
SDGs Sustainable cities and communities SDGs Climate Action


IL PROGETTO IN NUMERI



      • € 4.569.531

        valore progetto

      • 500.000

        cittadini europei

      • 90

        organizzazioni

CONNETTERE: ALTRI PROGETTI

Milano in Cartoline

Il progetto “Milano in Cartoline – Immaginare la città del futuro” intende costruire un processo decisionale, partecipativo e democratico con i cittadini di 3 Quartieri di Milano (Ponte Lambro – Molise Calvairate Ponti – Gratosoglio), per progettare con loro il futuro sostenibile del territorio, in risposta al cambiamento climatico e per costruire coesione sociale.

Leggi di più

DG-ECHO

Supporto alla DG ECHO

Da oltre 15 anni supportiamo la Direzione Generale per gli Aiuti Umanitari e la Protezione Civile dell’Unione Europea (DG ECHO) per favorire una gestione corretta e trasparente degli interventi umanitari e una collaborazione efficiente ed efficace tra il soggetto donatore (UE) e le organizzazione beneficiarie dei fondi (ONG, Organizzazioni Internazionali e Agenzie specializzate degli Stati Membri).

Leggi di più

Env.Net | organizzazioni che si occupano di ambiente nei Balcani e in Turchia

ENV.net

Con il progetto Env.net da quasi dieci anni facilitiamo e valorizziamo il lavoro delle organizzazioni che si occupano di ambiente nei Balcani e in Turchia, favorendo l’adozione di un approccio di rete e la valorizzazione delle risorse e potenzialità dei diversi contesti.

Leggi di più

Doniamo Energia


Doniamo Energia

Attraverso la valutazione dei bandi Doniamo Energia, promossi da Fondazione Cariplo e da Banco dell’energia, contribuiamo allo sviluppo di modelli di intervento finalizzati ad evitare che le famiglie lombarde possano scivolare in situazione di fragilità, puntando sulla valorizzazione delle competenze e delle reti territoriali.



Scarsa educazione, alimentazione ed energia: sono queste le tre dimensioni della povertà che Fondazione Cariplo si impegna a combattere insieme a istituzioni, onlus e imprese, secondo un modello basato sui tre pilastri pubblico, privato e sociale.

L’incontro tra Fondazione Cariplo e Banco dell’energia ha permesso di coniugare risorse e competenze per sostenere le persone in fragilità economica con percorsi di sostegno e “ripartenza” a 360°, innanzitutto attraverso la distribuzione dei beni di prima necessità o il pagamento di spese urgenti come le bollette di qualsiasi operatore energetico, per poi pensare a percorsi di presa in carico e riattivazione, che prevedano forme di lavoro e di reinserimento sociale e di ripensamento delle risorse per la collettività, in un’ottica di welfare generativo.

Il programma “Doniamo Energia”, giunto alla sua terza edizione, è promosso in collaborazione Fondazione Cariplo e Banco dell’energia, ed è una delle iniziative per combattere la povertà in Italia a cui, nel corso delle diverse edizioni, hanno preso parte 38 consorzi composti da onlus ed enti locali che hanno presentato congiuntamente molteplici progetti finanziati dal bando.

Le nostre attività principali

  • Accompagnamento dei soggetti selezionati per facilitare lo sviluppo di idee progettuali e la realizzazione dei progetti attraverso un piano di monitoraggio fattibile ed efficace. Per svolgere al meglio questa funzione è stato predisposto un supporto di helpdesk e follow-up finalizzato a garantire la raccolta dei dati e il superamento di eventuali difficoltà operative di tali attività.
  • Attuazione di un sistema di monitoraggio e rendicontazione dello stato di avanzamento del programma, in grado di rilevare sistematicamente l’attuazione delle attività progettuali e di produrre le informazioni necessarie per il controllo periodico e complessivo dei progetti (raccolta di dati quantitativi di output e outcome; raccolta di informazioni qualitative relative all’attuazione dei progetti (deviazione dal piano, criticità, elementi di forza e opportunità).
  • Valutazione critica del programma per i donatori, con l’obiettivo di evidenziare e comunicare ai rappresentanti di Fondazione Cariplo, A2A Spa e Banco dell’Energia Onlus, lo stato di avanzamento del programma e lo sviluppo di un’esperienza di valutazione complessiva.


Italia


Italia


WEBSITE


PARTNER





BENEFICIARI

  • circa 6.000 persone


BUDGET PROGETTO
EUR 7.400.000



ANNO
2017-2022



SETTORI DI INTERVENTO  

Advocacy/Awareness raising/Comunicazione, Capacity building e formazione, Diritti umani e Governance/Accountability, Società civile



SDGs
SDGs Reduced Inequalities


LA STORIA DEL PROGETTO



PARTNER

15 progetti finanziati

BUDGET PROGETTO

2.000.000 EUR

PARTNER

16 progetti finanziati

BUDGET PROGETTO

3.400.000 EUR

PARTNER

17 progetti finanziati

BUDGET PROGETTO

2.000.000 EUR


  • €100.000

    valore progetto

  • 125

    alunni della scuola primaria

  • 250

    genitori

  • 20

    insegnanti

CONSOLIDARE: ALTRI PROGETTI

PASPED

PASPED è un progetto della durata di 21 mesi e finanziato da AICS Dakar finalizzato a promuovere lo sviluppo socio-economico del Senegal, attraverso la valorizzazione della diaspora senegalese e degli scambi fra Europa e Italia. 70 idee imprenditoriali, promosse da cittadini senegalesi che vivono in Italia (e/o Europa) saranno selezionate e supportate nell’elaborazione di business plans.

Leggi di più

Acri

ACRI

Stiamo lavorando per l’Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio (ACRI) alla definizione di un modello di intervento multi-attoriale in Africa, capace di aggregare risorse e valorizzare le competenze del sistema italiano di cooperazione, nei settori strategici dell’agroalimentare e dell’energia.

Leggi di più

best beyond stereotypes

Be.St – Oltre gli stereotipi di genere

Con il progetto Be.St. – Beyond Stereotypes promuoviamo nelle scuole primarie lo sviluppo di un approccio sistemico in grado di favorire relazioni tra bambini e bambine basate sul rispetto e la valorizzazione delle differenze, affinché le generazioni future siano più consapevoli delle proprie potenzialità.

Leggi di più

Work4Integration

Work4Integration


Work4Integration

Con il progetto Work4Integration, realizzato in 3 paesi europei, mettiamo a disposizione idee e metodi di intervento per lo sviluppo di modelli innovativi di integrazione economica dei migranti, coinvolgendo reti di associazioni e imprese.



Il progetto Work4Integration – Europe, realizzato da un Consorzio di organizzati sotto la leadership di Fondazione Soleterre, vuole promuovere un’efficace e tempestiva integrazione nel mercato del lavoro dei cittadini di paesi terzi, attraverso la creazione di partenariati transnazionali con tutti gli attori interessati.
Il progetto è realizzato in Italia, Svezia e Belgio con i seguenti obiettivi:

Promuovere un solido processo di integrazione nel mercato del lavoro dei cittadini di paesi terzi;
Coinvolgere i datori di lavoro e altri attori chiave nell’integrazione del mercato del lavoro dei cittadini di paesi terzi;
Elaborare una strategia vincente multi-stakeholder per l’effettiva integrazione lavorativa dei cittadini di paesi terzi in Europa.

In ogni paese sono sviluppati servizi orientati alla domanda per i cittadini di paesi terzi.

Tra le principali attività vi sono: la valutazione delle competenze, la formazione professionale, la promozione di opportunità di lavoro, l’erogazione di servizi multidisciplinari, la creazione di toolkit per categorie vulnerabili e attività di tutoraggio/follow up.
Inoltre sono previste attività per accrescere la consapevolezza e il coinvolgimento delle aziende (eventi, corsi di formazione, supporto multidisciplinare e promozione del “Datore di lavoro insieme per l’integrazione”).
Infine, il progetto promuove lo scambio di metodi e pratiche tra i partner e la promozione dello sviluppo di capacità relative all’integrazione lavorativa dei cittadini di paesi terzi attraverso l’elaborazione di un intervento unificato che è la base per definire la futura strategia dei partner sul tema.

L’impatto del progetto si basa su due assi principali:

  • Facilitare l’accesso dei cittadini di paesi terzi al mercato del lavoro grazie a un approccio multidisciplinare che tenga conto della complessità del loro progetto migratorio;
  • Consolidare una strategia win-win multistakeholder per l’integrazione lavorativa dei cittadini di paesi terzi, in cui le parti interessate sono impegnate nello scambio continuo di strumenti e competenze.



Europa


Belgio, Italia, Svezia


WEBSITE




DONATORE/I
Commissione Europea



BENEFICIARI

  • 1.000 cittadini di paesi terzi
  • 200 aziende
  • 2.700 persone


BUDGET PROGETTO
N/A



ANNO
2018 – 2021



SETTORI DI INTERVENTO  

Advocacy/Awareness raising/Comunicazione, Diritti umani e Governance/Accountability, Migrazioni e diaspora, Società civile



SDGs
SDGs Reduced Inequalities


IL PROGETTO IN NUMERI



  • 1.000

    cittadini di paesi terzi

  • 200

    aziende

  • 2.700

    persone

CONDIVIDERE: ALTRI PROGETTI

Milano in Cartoline

Il progetto “Milano in Cartoline – Immaginare la città del futuro” intende costruire un processo decisionale, partecipativo e democratico con i cittadini di 3 Quartieri di Milano (Ponte Lambro – Molise Calvairate Ponti – Gratosoglio), per progettare con loro il futuro sostenibile del territorio, in risposta al cambiamento climatico e per costruire coesione sociale.

Leggi di più

1Planet4all

1Planet4All

1Planet4All lavora in 12 paesi europei per la sensibilizzazione e attivazione dei giovani nello sviluppo di azioni concrete per la lotta al cambiamento climatico.

Leggi di più

Diritti umani e società civile

In Eswatini ci occupiamo di rafforzare le associazioni che si occupano di diritti umani attraverso la diffusione di conoscenze e metodi partecipativi , e facilitando il lavoro delle reti locali e l’interazione tra i diversi soggetti pubblici e privati coinvolti nel paese africano.

Leggi di più

Acri

ACRI


Studio di fattibilità per lo sviluppo di modelli di intervento innovativi di cooperazione internazionale

Stiamo lavorando per l’Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio (ACRI) alla definizione di un modello di intervento multi-attoriale in Africa, capace di aggregare risorse e valorizzare le competenze del sistema italiano di cooperazione, nei settori strategici dell’agroalimentare e dell’energia



Lo sviluppo di modelli innovativi di cooperazione internazionale rappresenta un obiettivo rilevante nell’attuale contesto della filantropia strategica.

L’incarico assegnato risponde alla richiesta di Fondazione Cariplo, in conto proprio e per conto delle altre Fondazioni promotrici dell’iniziativa ACRI (Associazione di Fondazioni e Casse di Risparmio Spa) “Fondazioni for Africa”, di redigere uno studio di fattibilità relativo a modelli di intervento sistemici nell’ambito della cooperazione internazionale. Modelli capaci di coinvolgere un ampio numero di soggetti di cooperazione sia nel territorio italiano che nei paesi di intervento.

Lo studio di fattibilità, partendo da una prima analisi approfondita dei modelli e degli strumenti di cooperazione esistenti, ha permesso di confermare l’approccio proposto dalle Fondazioni e, in particolare, tre distinti aspetti:

  • L’efficacia di un intervento a sistema
  • Il fondamentale ruolo che possono garantire ACRI e le Fondazioni
  • Le potenzialità dell’interazione tra le imprese e la società civile (e in più in generale, il mondo non-profit nel suo complesso).

A partire da questi elementi, lo studio ha permesso inoltre di identificare possibili scenari di intervento in tre distinti paesi, attraverso un’analisi approfondita dei settori chiave e del ruolo auspicato per i potenziali partner.

Le nostre attività principali

  • Analisi di 44 esperienze significative e innovative di project financing (casi studio), focalizzandosi in particolare su azioni multifattoriali che combinano strumenti finanziari diversificati tra loro complementari.
  • Identificazione dei fattori abilitanti che possano incoraggiare (o stimolare) i potenziali attori (OSC, aziende, ecc.) ad avviare un programma in un contesto specifico.
  • Elaborazione di modelli di intervento multi-stakeholder in 3 paesi selezionati.
  • Simulazione di scenari-paese, con l’obiettivo di descrivere il contesto socio-economico nei tre paesi selezionati prima e dopo la nuova programmazione, concentrandosi su settori chiave.




Africa, Italia


WEBSITE


PARTNER

  • 2020 – 2022




BENEFICIARI

  • 2020 – 2022


BUDGET PROGETTO
EUR



ANNO
2020 – 2022



SETTORI DI INTERVENTO  

Ambiente/Lotta al cambiamento climatico, Sicurezza alimentare/Agricoltura



SDGs
SDGs Reduced Inequalities


IL PROGETTO IN NUMERI



  • €100.000

    valore progetto

  • 125

    alunni della scuola primaria

  • 250

    genitori

  • 20

    insegnanti

CONSOLIDARE: ALTRI PROGETTI

PASPED

PASPED è un progetto della durata di 21 mesi e finanziato da AICS Dakar finalizzato a promuovere lo sviluppo socio-economico del Senegal, attraverso la valorizzazione della diaspora senegalese e degli scambi fra Europa e Italia. 70 idee imprenditoriali, promosse da cittadini senegalesi che vivono in Italia (e/o Europa) saranno selezionate e supportate nell’elaborazione di business plans.

Leggi di più

Doniamo Energia

Attraverso la valutazione dei Bandi Energia, promossi da Fondazione Cariplo e dal Banco dell’Energia, contribuiamo allo sviluppo di modelli di intervento finalizzati ad evitare che le famiglie lombarde possano scivolare in situazione di fragilità, puntando sulla valorizzazione delle competenze e delle reti territoriali.

Leggi di più

best beyond stereotypes

Be.St – Oltre gli stereotipi di genere

Con il progetto Be.St. – Beyond Stereotypes promuoviamo nelle scuole primarie lo sviluppo di un approccio sistemico in grado di favorire relazioni tra bambini e bambine basate sul rispetto e la valorizzazione delle differenze, affinché le generazioni future siano più consapevoli delle proprie potenzialità.

Leggi di più

Env.Net | organizzazioni che si occupano di ambiente nei Balcani e in Turchia

ENV.net


ENV.net

Con il progetto ENV.net da quasi dieci anni facilitiamo e valorizziamo il lavoro delle organizzazioni che si occupano di ambiente nei Balcani e in Turchia, favorendo l’adozione di un approccio di rete e la valorizzazione delle risorse e potenzialità dei diversi contesti.



Il progetto “ENV.net factoring the Environmental Portfolio for Western Balkans and Turkey in the EU Policy Agenda” è implementato in Albania, Kosovo, Serbia, Belgio, FYROM, BiH, Montenegro, Italia e Turchia.
Con un importo complessivo di 1 M€, il progetto è stato cofinanziato dalla Commissione Europea – Direzione Generale EuropeAid, ed ha avuto inizio nel dicembre 2017 per una durata di 40 mesi.
Il progetto ha come obiettivo quello di creare un contesto favorevole per la società civile e i media pluralistici, per consentire un dialogo efficace con i governi sulla politica ambientale ed influenzarne i processi decisionali.
Inoltre ENV.net svolge un ruolo di primo piano nell’elaborazione delle politiche sulle questioni ambientali, orientando il dibattito sull’economia circolare e le questioni relative ai cambiamenti climatici, coinvolgendo le organizzazioni della società civile ambientali, i media e la società nei Balcani occidentali e nella regione della Turchia.

Le nostre attività principali

Nell’ambito del progetto svolgiamo innanzitutto un ruolo trasversale, in particolare per:

  • Elaborare e fornire strumenti comuni per il networking e la collaborazione delle OSC per capitalizzare l’esperienza acquisita nelle fasi precedenti (dal 2012 al 2016);
  • Identificare e condividere le buone pratiche all’interno dei partner;
  • Contribuire alla definizione del pacchetto di supporto finanziario a parti (es. linee guida, modelli, modalità di M&E) e all’identificazione di modelli efficaci e condivisi;
  • Supportare la revisione dei moduli di eLearning esistenti, diversificando temi e modalità, ed il rafforzamento della strategia di comunicazione.

Abbiamo inoltre cercato di porre le basi per estendere alcune delle attività chiave allo scenario italiano al fine di garantire la diffusione e lo scambio di buone pratiche e modelli innovativi nell’ambito dell’economia circolare, in particolare:

  • Contribuiamo alla preparazione di una metodologia congiunta per la valutazione dell’economia circolare applicabile nei Balcani occidentali e in Turchia;
  • Revisioniamo l’esperienza esistente in Italia in merito ai modelli e alle pratiche di economia circolare;
  • Organizziamo un viaggio di studio tematico in Italia sulle pratiche di Economia Circolare.




Balcani occidentali, Italia, Turchia


WEBSITE




DONATORE/I
Commissione Europea – Direzione Generale
EuropeAid



BENEFICIARI

  • 14 OSC ambientali di base nei Balcani occidentali e in Turchia
  • 10-14 organizzazioni dei media nei Balcani occidentali
  • Cittadini dei paesi ENV.net


BUDGET PROGETTO
EUR 1.083.313



ANNO
2017 – 2021



SETTORI DI INTERVENTO  

Advocacy/Awareness raising/Comunicazione, Ambiente/Lotta al cambiamento climatico, Capacity building e formazione, Società civile



SDGs
SDGs Sustainable cities and communitiesSDGs Climate Action


IL PROGETTO IN NUMERI



  • € 1.083.313

    valore progetto

  • 14

    OSC

  • 10-14

    organizzazioni

CONNETTERE: ALTRI PROGETTI

Milano in Cartoline

Il progetto “Milano in Cartoline – Immaginare la città del futuro” intende costruire un processo decisionale, partecipativo e democratico con i cittadini di 3 Quartieri di Milano (Ponte Lambro – Molise Calvairate Ponti – Gratosoglio), per progettare con loro il futuro sostenibile del territorio, in risposta al cambiamento climatico e per costruire coesione sociale.

Leggi di più

DG-ECHO

Supporto alla DG ECHO

Da oltre 15 anni supportiamo la Direzione Generale per gli Aiuti Umanitari e la Protezione Civile dell’Unione Europea (DG ECHO) per favorire una gestione corretta e trasparente degli interventi umanitari e una collaborazione efficiente ed efficace tra il soggetto donatore (UE) e le organizzazione beneficiarie dei fondi (ONG, Organizzazioni Internazionali e Agenzie specializzate degli Stati Membri).

Leggi di più

NoPlanetB

NOPLANETB

NOPLANETB è un progetto nato per favorire la diffusione di stili di vita sostenibili finanziando idee e iniziative di comunicazione, sensibilizzazione ed advocacy promosse da piccole organizzazioni della società civile e finalizzate a fare crescere la consapevolezza sul tema del cambiamento climatico.

Leggi di più

best beyond stereotypes

Be.St – Oltre gli stereotipi di genere


Be.St – Oltre gli stereotipi di genere

Con il progetto Be.St – Beyond Stereotypes promuoviamo nelle scuole primarie lo sviluppo di un approccio sistemico in grado di favorire relazioni tra bambini e bambine basate sul rispetto e la valorizzazione delle differenze, affinché le generazioni future siano più consapevoli delle proprie potenzialità.



Be.St (Beyond Stereotypes) è un modello di intervento che parte da un approccio del tutto innovativo, ovvero la proposta di modificare gli stereotipi di genere con il coinvolgimento di tutta la scuola. Per realizzare questo modello si è voluto dare pieno riconoscimento alla responsabilità educativa che le scuole, il corpo docente e tutto il personale non docente, hanno nei confronti delle bambine e dei bambini. Fino ad ora, l’educazione alle differenze è stata spesso condotta in modo episodico, con interventi “esterni” e con azioni che, senza un reale coinvolgimento degli/le insegnanti, non garantiscono un lavoro sistemico sul lungo periodo.
Partendo da queste premesse Be.st. si propone come un modello che investe tutto l’ambiente che caratterizza la scuola primaria. Sulla base di un’attenta osservazione delle aree in cui possono nascondersi gli stereotipi di genere è stata definita una cornice di riferimento di principi, criteri e attività possibili per eliminare le iniquità di cui le bambine possono essere vittime.
L’obiettivo è di proporre, per ogni spazio di azione che anima la vita di una scuola, una riflessione costante volta a riconoscere il peso degli stereotipi sessisti e a mitigarne gli effetti attraverso azioni di individuazione e decostruzione degli stereotipi stessi. L’intento è di favorire relazioni più equilibrate tra i generi e promuovere un’educazione dei bambini e delle bambine nel rispetto delle differenze, elemento fondamentale di opportunità di scambio e crescita reciproca e di prevenzione verso episodi di violenza di genere.
In base a questo primo lavoro sono stati elaborati nove principi guida (o standard minimi di applicazione). Questo lavoro è stato svolto in stretta collaborazione con il tavolo multi-stakeholder il quale grazie alle competenze dei propri membri ha fornito autorevolezza al lavoro garantendo la presenza di diverse ed eterogenee voci: società civile, scuola, mondo accademico italiano (in ambito pedagogico, linguistico, sociologico, filosofico). L’intervento è stato pensato a “sistema” intendendo, con questo termine, la capacità di incidere in forme durature e sostenibili nel campo di azione delle scuole.
Attraverso l’applicazione del modello Be.St si vuole raggiungere i seguenti risultati:

  • In primo luogo promuovere un pensiero critico nel corpo docente sugli stereotipi di genere cercando di mettere in luce come questi stereotipi agiscano in diverse forme – anche nascoste – grazie a meccanismi espliciti ed impliciti .
  • Secondariamente indicare forme pratiche di intervento finalizzate ad incoraggiare i diversi soggetti attivi nelle scuole (direzione didattica, corpo docenti, rappresentanti dei genitori e naturalmente bambini/e) a lavorare affinché sia rafforzato nei bambini e nelle bambine il rispetto reciproco nelle relazioni e sia contrastato il fenomeno di prevaricazione, fisica e psicologica, di un sesso rispetto all’altro.

Le nostre attività principali

  • Creazione di un gruppo di lavoro multistakeholder per la definizione dello standard Be.St
  • Definizione del Be.St standard
  • Sviluppo della metodologia e dei materiali formativi, secondo il Be.St standard stabilito dal gruppo di lavoro multi-stakeholder
  • Testaggio del Be.St in una prima scuola pilota follow-up
  • Creazione di una piattaforma Be.st. allargamento della sperimentazione ad altre scuole
  • Valutazione dell’impatto



Italia


Italia


WEBSITE


PARTNER

  • Comune di Milano – Assessorato all’Educazione and Assessorato alle Politiche Sociali
  • Associazione Scosse
  • Comitato Unico di Garanzia – Università degli Studi di Milano Bicocca.




BENEFICIARI

  • Circa 125 alunni della scuola primaria pilota
  • I genitori di circa 125 alunni
  • Circa 50 insegnanti degli alunni
  • Altre scuole primarie a Milano
  • Il pubblico generale


BUDGET PROGETTO
EUR 100.000



ANNO

2017 – 2021



SETTORI DI INTERVENTO 

Advocacy/Awareness raising/Comunicazione, Capacity building e formazione, Parità di genere



SDGs
SDGs Gender Equality


IL PROGETTO IN NUMERI



  • €100.000

    valore progetto

  • 125

    alunni della scuola primaria

  • 250

    genitori

  • 20

    insegnanti

CONSOLIDARE: ALTRI PROGETTI

PASPED

PASPED è un progetto della durata di 21 mesi e finanziato da AICS Dakar finalizzato a promuovere lo sviluppo socio-economico del Senegal, attraverso la valorizzazione della diaspora senegalese e degli scambi fra Europa e Italia. 70 idee imprenditoriali, promosse da cittadini senegalesi che vivono in Italia (e/o Europa) saranno selezionate e supportate nell’elaborazione di business plans.

Leggi di più

Doniamo Energia

Attraverso la valutazione dei Bandi Energia, promossi da Fondazione Cariplo e dal Banco dell’Energia, contribuiamo allo sviluppo di modelli di intervento finalizzati ad evitare che le famiglie lombarde possano scivolare in situazione di fragilità, puntando sulla valorizzazione delle competenze e delle reti territoriali.

Leggi di più

Acri

ACRI

Stiamo lavorando per l’Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio (ACRI) alla definizione di un modello di intervento multi-attoriale in Africa, capace di aggregare risorse e valorizzare le competenze del sistema italiano di cooperazione, nei settori strategici dell’agroalimentare e dell’energia.

Leggi di più