Archivio per: Italia

ECG – NO ALLA GUERRA


Educazione alla Cittadinanza Globale – NO ALLA GUERRA

La proposta del progetto di EMERGENCY mira a contribuire alla creazione di una società pacifica e inclusiva che rispetti i diritti umani e le diversità tra le diverse popolazioni, promuovendo una cultura di pace e non violenza con il coinvolgimento attivo dei cittadini in tutta Italia.



Il progetto prevede: ricerca preliminare ed elaborazione dati, corsi di formazione di qualità, informazione e sensibilizzazione per giovani 11-25 anni, insegnanti, operatori, volontari e cittadini sui temi della guerra, delle migrazioni, della multiculturalità e dell’inclusione sociale.

Al termine del progetto saranno i giovani coloro che porteranno avanti idee e proposte innovative per promuovere una cultura della pace e della non violenza presentando nuove modalità di informazione e sensibilizzazione dei cittadini alle autorità e agli esperti del profit e non settore profit, sia a livello locale che globale.

Le nostre principali attività

In linea con le indicazioni dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (AICS), che richiede una valutazione esterna e indipendente che permetterà di analizzare i risultati ottenuti, la qualità degli interventi realizzati.
Pertanto, l’obiettivo del contributo PuntoSud è quello di contribuire a comprendere la reale efficacia del modello progettuale in corso, che è in grado di fornire indicazioni utili per la prosecuzione del progetto, facilitando la definizione di ipotesi di lavoro approfondite ( operativo e strategico) in relazione al tema principale dell’intervento

  • L’esercizio di valutazione da svolgere sarà supportato dalle seguenti attività:
    Analisi critica dell’opera
  • Un approfondimento specifico svolto attraverso la somministrazione di questionari e l’organizzazione di gruppi di lavoro volti a comprendere l’esito delle principali attività previste (graphic novel, kit per docenti, azioni rivolte agli studenti universitari)
  • L’organizzazione di incontri di feedback
  • La redazione di una relazione finale.



Italia


Italia








BENEFICIARI

  • 1.560 docenti, operatori e volontari
  • 7.723 studenti e giovani tra gli 11-25 anni
  • 1.300.000 persone sensibilizzate


BUDGET PROGETTO
584.887  EUR



ANNO
2019 – 2021



SETTORI DI INTERVENTO  

Diritti umani e Governance/Accountability, Educazione/Istruzione, Società civile



SDGs
SDGs Reduced Inequalities

LA STORIA DEL PROGETTO



PARTNER
15 consorzi finanziati

BUDGET PROGETTO
5555 EURO

PARTNER
15 consorzi finanziati

BUDGET PROGETTO
5555 EURO

PARTNER
15 consorzi finanziati

BUDGET PROGETTO
5555 EURO


  • €100.000

    valore progetto

  • 125

    alunni della scuola primaria

  • 250

    genitori

  • 20

    insegnanti

CONSOLIDARE: ALTRI PROGETTI

UR-Beira: rafforzamento dei servizi di emergenza urgenza medica nella città di Beira

UR-Beira: rafforzamento dei servizi di emergenza urgenza medica nella città di Beira è un progetto finanziato da AICS in Mozambico e coordinato da Regione Veneto, finalizzato al rafforzamento dei servizi sanitari di emergenza/urgenza gestiti dalle autorità locali nel distretto di Beira, con attenzione particolare alle emergenze ostetriche e pediatriche.

Leggi di più

Sri Lanka: Helpdesk per il programma DPC Tsunami Disaster

Il Programma Generale in Sri Lanka mirava a rispondere allo Tsunami del 26 dicembre 2004, fino alle realizzazioni della ricostruzione, dell’assistenza alla ripresa sociale ed economica locale.

Leggi di più

Fondazione Corti – RBM Uganda

Il progetto mira a contribuire al rafforzamento del sistema sanitario del Nord Uganda, promuovendo strumenti innovativi per la gestione efficace dei servizi sanitari materni, infantili e pediatrici per la popolazione della regione di Acholi..

Leggi di più

Piattaforma di helpdesk e supporto a NSA/LA nel settore dello sviluppo


Piattaforma di helpdesk e supporto a NSA/LA nel settore dello sviluppo

In un periodo di due anni, il progetto ha cercato di migliorare l’accesso alle informazioni, ai metodi e alle migliori pratiche su EuropeAid che concede obblighi contrattuali agli attori non statali e agli enti locali nei NSM, aiutandoli così a rafforzare e ampliare la loro capacità di cooperazione internazionale.



Nel gennaio 2009 PuntoSud ha lanciato insieme ai suoi quattro partner esecutivi (ForS – Czech Forum) il progetto finanziato dalla Commissione Europea – DG EuropeAid intitolato Helpdesk platform and support to New Member State (NMS) Non State Actors/Local Authority in the Development Sector per la Cooperazione allo Sviluppo dalla Repubblica Ceca, AID 24 – Ungherese Baptist Aid dall’Ungheria, Apel Service dalla Romania e People in Peril Association dalla Slovacchia) e due Associati (Caritas Polska dalla Polonia e Support to Life dalla Turchia).

In un periodo di due anni, il progetto ha cercato di migliorare l’accesso alle informazioni, ai metodi e alle migliori pratiche su EuropeAid che concede obblighi contrattuali agli attori non statali e agli enti locali nei NSM, aiutandoli così a rafforzare e ampliare la loro capacità di cooperazione internazionale. Al centro di questo sforzo c’erano tre attività principali, o strumenti: un helpdesk, un sito web e una serie di sessioni di formazione. Questi strumenti potrebbero fornire il supporto necessario per le organizzazioni nell’Europa orientale, così come in altri paesi, che lavorano con la DG EuropeAid.

In effetti, un’analisi preliminare dei bisogni effettuata da PuntoSud ha rivelato che le organizzazioni in tutta l’UE – inclusi, ma non solo, NMS – necessitano di assistenza nella pianificazione e gestione dei progetti CE e, più specificamente, EuropeAid.

Nel tentativo di affrontare i bisogni e affrontare le difficoltà delle organizzazioni in tutta l’UE, con particolare attenzione ai NMS, il progetto ha progettato i tre strumenti per il supporto e lo sviluppo delle capacità sopra menzionati. Tali strumenti intendono essere complementari e fungere da elementi sinergici di uno sforzo più ampio, così come espresso nell’obiettivo specifico: “Accesso alle informazioni, ai metodi e alle migliori pratiche sui programmi AIDCO obblighi contrattuali garantiti ai Nuovi Stati Membri NSA/AL che desiderano rafforzare e ampliare la loro cooperazione”.

Ciascuno degli strumenti contribuisce a modo suo all’obiettivo del progetto, provvedendo alle diverse esigenze degli utenti. L’helpdesk offre supporto quotidiano a tutte le organizzazioni che lavorano con EuropeAid, sia a livello centrale che sul campo, rispondendo a domande sugli aspetti amministrativi, legali, finanziari e procedurali della preparazione e della gestione delle azioni finanziate da EuropeAid.

In secondo luogo, il sito web contiene informazioni sui prossimi corsi di formazione, documenti scaricabili, accesso al manuale “Il Trenino” e informazioni relative a tutte le fasi del ciclo del progetto. Infine, le sessioni di formazione sono finalizzate al rafforzamento delle capacità principalmente nei NMS, con particolare attenzione alle modalità di finanziamento di EuropeAid e alla gestione dei progetti.

Principali risultati del progetto

Due componenti hanno formato il piano di sviluppo del progetto.

La prima e principale componente includeva la creazione della piattaforma Helpdesk e lo svolgimento delle attività di networking. I suoi principali risultati possono essere così riassunti:

  • Un sito web dedicato all’helpdesk dedicato a facilitare la pianificazione e la gestione dei progetti AIDCO stabiliti per l’intera vita del progetto e dopo.
  • Un servizio di helpdesk creato per supportare le organizzazioni/piattaforme NMS con un team di lavoro disponibile quotidianamente per rispondere a domande, richieste di modelli o consigli per affrontare al meglio la progettazione/gestione di progetti di sviluppo finanziati dalla CE.
  • Un manuale completo sugli obblighi amministrativi e contrattuali dei progetti di sviluppo finanziati dalla CE (il Trenino – ultimo aggiornamento settembre 2011) prodotto e condiviso tra tutte le organizzazioni interessate, riducendo il rischio di incomprensioni di regole e procedure.

La seconda componente ha garantito una specifica azione di capacity building prevista per il personale delle organizzazioni NMS. I suoi risultati sono i seguenti:

  • 9 sessioni di formazione erogate nei paesi partner e in Italia;
  • 12 progetti specifici gestiti da organizzazioni NMS esaminati, supportati e monitorati (hands-on);
  • Piattaforma di helpdesk e networking.

Principali attività del progetto

Componente – Helpdesk

  • Progettazione, preparazione e sviluppo degli strumenti per il sito web specializzato nel supporto del programma AIDCO;
  • Istituzione di un team PuntoSud permanente per fornire il supporto quotidiano alle organizzazioni target;
  • Predisposizione e diffusione delle linee guida “Trenino” per i programmi AIDCO;
  • Lancio e promozione del sito web e dei servizi di helpdesk.

Componente – Sviluppo delle capacità

  • Organizzazione ed erogazione di 9 corsi di formazione/workshop per organizzazioni NMS;
  • Consegna pratica a 12 progetti presentati/attuati/conclusi dalle organizzazioni NMS.



Mondo


Italia, Polonia, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Turchia, Ungheria


WEBSITE




DONATORE/I
European Commission – DG EuropeAid



BENEFICIARI

  • NSA/LA da NMS


BUDGET PROGETTO
386.045  EUR



ANNO
2009 – 2011



SETTORI DI INTERVENTO  

Capacity building e formazione, Società civile



SDGs
4 Quality Education

LA STORIA DEL PROGETTO



PARTNER
15 consorzi finanziati

BUDGET PROGETTO
5555 EURO

PARTNER
15 consorzi finanziati

BUDGET PROGETTO
5555 EURO

PARTNER
15 consorzi finanziati

BUDGET PROGETTO
5555 EURO


  • €100.000

    valore progetto

  • 125

    alunni della scuola primaria

  • 250

    genitori

  • 20

    insegnanti

CONDIVIDERE: ALTRI PROGETTI

EMERGENCY – Sierra Leone

EMERGENCY opera in Sierra Leone dal 2001 con un Centro Chirurgico pensato per le vittime di guerra, poi esteso alla cura dei pazienti ortopedici e di tutte le emergenze chirurgiche.

Leggi di più

Iniziativa EU Aid Volunteers

Il contratto quadro di 4 anni EU Aid Volunteers mira a sviluppare un programma di formazione per l’iniziativa EU Aid Volunteers, fornire servizi di formazione ai candidati volontari e valutare le competenze dei candidati volontari formati.

Leggi di più

Sudan – Salute e nutrizione per la popolazione vulnerabile Mayo

Il progetto EMERGENCY ha il suo asse d’azione presso il Centro Pediatrico nell’area Mayo, dove EMERGENCY non solo offre assistenza pediatrica gratuita e qualificata, ma fornisce anche assistenza prenatale alle donne e promuove un approccio preventivo al bambino e alla madre attraverso l’educazione sanitaria.

Leggi di più

Sri Lanka: Helpdesk per il programma DPC Tsunami Disaster


Sri Lanka: Helpdesk per il programma DPC Tsunami Disaster

Il Programma Generale in Sri Lanka mirava a rispondere allo Tsunami del 26 dicembre 2004, fino alle realizzazioni della ricostruzione, dell’assistenza alla ripresa sociale ed economica locale.



Lo Tsunami Disaster Program è iniziato subito dopo lo Tsunami del 2004, quando il Dipartimento della Protezione Civile Italiana (DPC) ha iniziato il suo intervento di primo soccorso di emergenza a favore delle vittime dello Tsunami. Sulla base della reazione dei cittadini italiani (che hanno donato nel tempo € 53.368.711,81) il DPC si è occupato della gestione dei fondi, operando direttamente e in collaborazione con diversi organismi attuatori.

In particolare, il programma si componeva di 56 progetti, di cui 34 oggetto di accordi con ONG, 8 con altri enti e organizzazioni e 14 attuati direttamente dal Dipartimento della Protezione Civile.

Al fine di garantire una gestione del programma forte e responsabile, sono stati creati diversi organismi esterni, tra cui il Comitato di Sorveglianza, in cui PuntoSud è stato inserito per garantire lo sviluppo delle procedure, la formazione degli operatori umanitari e per supportare l’audit dei progetti finanziati.

PuntoSud ha operato da settembre 2005 fino al termine della valutazione finale complessiva dell’intera operazione in Sri Lanka, nel 2010.

PuntoSud ha incoraggiato il DPC a standardizzare le proprie procedure in linea con le migliori pratiche in uso all’interno della Commissione Europea, recependo così l’insieme di norme e disposizioni dell’Accordo Quadro di Partenariato della DG ECHO. PuntoSud ha pertanto assicurato al DPC la consulenza e il supporto tecnico necessario per la valutazione delle procedure di gestione, l’elaborazione dei documenti di progetto per la formazione del personale addetto alla gestione del Programma e per la validazione finale dei rendiconti finanziari prodotti dalle partner.

In questo modo, è diventato nel tempo il punto focale per il monitoraggio, il controllo e la chiusura amministrativa del programma complessivo in Sri Lanka. In questo contesto, PuntoSud si è adoperato per assicurare che la corretta e regolare elaborazione delle segnalazioni e delle richieste di modifiche fosse in linea con gli obiettivi e le disposizioni generali del programma.

Un elemento importante del lavoro di PuntoSud è stata la partecipazione al “Gruppo di Auditing” delle relazioni finali presentate dalle agenzie esecutive. Inoltre ha sviluppato un sito web ad hoc del DPC dedicato alla rendicontazione delle attività in Sri Lanka, inclusa tutta la documentazione prodotta dal programma. L’attività del PuntoSud ha comportato anche l’organizzazione e l’archiviazione di tutta la documentazione amministrativa relativa al programma.

Le principali attività di Helpdesk di PuntoSud possono essere così sintetizzate:

  • Assistenza online 24 ore su 24;
  • Elaborazione del pacchetto procedurale standard del DPC;
  • Formazione (in Italia e Sri Lanka) per la corretta gestione delle operazioni finanziate dal DPC;
  • Supporto tecnico al personale DPC in Italia e Sri Lanka;
  • Supporto assicurato al “Gruppo dei Revisori” preposto a garantire la responsabilità sull’utilizzo dei fondi;
  • Monitoraggio di tutti i progetti;
  • Sviluppo di strumenti elettronici;
  • Consolidamento del sito dedicato al DPC “post-tsunami”;
  • Contributo alla pubblicazione del Final Activity Report, il “Final Report Emergency Tsunami Sri Lanka”.

Nell’ambito dell’helpdesk PuntoSud per il Programma Tsunami Disaster, quattro membri del PuntoSud Team hanno ricevuto, nel 2008, la “benemerenza” alla presenza del Presidente della Repubblica Italiana.




Mondo


Italia, Sri Lanka


WEBSITE


PARTNER





BENEFICIARI

  • Cittadini dello Sri Lanka colpiti dallo tsunami del 2004
  • Personale del DPC italiano, ONG e ONG locali


BUDGET PROGETTO
556.500 EUR



ANNO
2005 – 2010



SETTORI DI INTERVENTO  

Aiuto umanitario/Emergenza, Servizi/Infrastrutture di base, Società civile



SDGs
SDGs Reduced Inequalities

LA STORIA DEL PROGETTO



PARTNER
15 consorzi finanziati

BUDGET PROGETTO
5555 EURO

PARTNER
15 consorzi finanziati

BUDGET PROGETTO
5555 EURO

PARTNER
15 consorzi finanziati

BUDGET PROGETTO
5555 EURO


  • €100.000

    valore progetto

  • 125

    alunni della scuola primaria

  • 250

    genitori

  • 20

    insegnanti

CONSOLIDARE: ALTRI PROGETTI

UR-Beira: rafforzamento dei servizi di emergenza urgenza medica nella città di Beira

UR-Beira: rafforzamento dei servizi di emergenza urgenza medica nella città di Beira è un progetto finanziato da AICS in Mozambico e coordinato da Regione Veneto, finalizzato al rafforzamento dei servizi sanitari di emergenza/urgenza gestiti dalle autorità locali nel distretto di Beira, con attenzione particolare alle emergenze ostetriche e pediatriche.

Leggi di più

ECG – NO ALLA GUERRA

La proposta del progetto di EMERGENCY mira a contribuire alla creazione di una società pacifica e inclusiva che rispetti i diritti umani e le diversità tra le diverse popolazioni, promuovendo una cultura di pace e non violenza con il coinvolgimento attivo dei cittadini in tutta Italia.

Leggi di più

Fondazione Corti – RBM Uganda

Il progetto mira a contribuire al rafforzamento del sistema sanitario del Nord Uganda, promuovendo strumenti innovativi per la gestione efficace dei servizi sanitari materni, infantili e pediatrici per la popolazione della regione di Acholi..

Leggi di più

Snapshots From the Borders


Snapshots From the Borders

Snapshots From the Borders è un progetto triennale volto a rafforzare una nuova rete attiva tra le città che affronti direttamente i flussi migratori alle frontiere dell’UE, come modo per promuovere una più efficace coerenza delle politiche a tutti i livelli.



Snapshots From the Borders è un progetto triennale cofinanziato dall’Unione Europea (linea di bilancio EuropeAid DEAR), gestito da 35 partner, autorità locali di confine e organizzazioni della società civile. Il progetto, coordinato dal Comune di Lampedusa e Linosa, mira a migliorare la comprensione critica dei decisori europei, nazionali e locali e dell’opinione pubblica sulle interdipendenze globali che determinano i flussi migratori verso i confini europei, nella prospettiva del raggiungimento degli obiettivi SDG, in particolare SDG 1 , 5, 10, 11 e 16.

In particolare, il progetto intende rafforzare una nuova rete attiva orizzontale tra le città che affrontano direttamente i flussi migratori ai confini dell’UE, come modo per promuovere una più efficace coerenza delle politiche a tutti i livelli (europeo, nazionale, locale).

Nell’ambito del progetto, la campagna No more bricks in the wall è stata sviluppata sia a livello locale (a livello di città), nazionale (a livello di stato membro) che a livello dell’UE (Bruxelles e istituzioni dell’UE), composta da materiali, azioni sui social media, concerti e festival, mostre. La campagna è coordinata da AMREF e mira a informare i cittadini europei che la migrazione è un fenomeno complesso e multidimensionale e una questione politica che richiede sforzi e azioni concrete intraprese da persone e organizzazioni/reti a tutti i livelli della società.

Una migliore comprensione da parte degli europei della migrazione come questione di sviluppo unita al coinvolgimento promuove la cittadinanza globale e crea forti legami di solidarietà. Le prospettive dirette e il coinvolgimento delle frontiere sono un valore aggiunto per aumentare la consapevolezza, condividere le conoscenze, incoraggiare la partecipazione e mostrare ai cittadini che hanno un ruolo importante da svolgere. Portando voci e soluzioni efficaci dai confini dove si vive direttamente la migrazione, le persone saranno più informate e consapevoli delle determinanti e delle azioni e diventeranno protagoniste nel chiedere un mondo equo. I messaggi che raggiungono il pubblico dell’UE attraverso i media presentano la migrazione come un problema di emergenza con un impatto negativo che semplifica eccessivamente cause e determinanti. Una volta che le persone saranno consapevoli della dimensione, dell’implicazione, delle cause e delle soluzioni, cercheranno un cambiamento di atteggiamento in termini di sostegno alla società civile.

Alla fine, lo scopo ultimo della campagna è: attrarre cittadini nei Territori di Frontiera e in tutta Europa, entrambi già desiderosi di solidarietà nei confronti dei migranti.




Europa


Europa, Italia


WEBSITE




DONATORE/I
European Commission – Directorate-General for Internal Cooperation & Development



BENEFICIARI

  • 260 decisori/legislatori a livello comunale, nazionale e comunitario
  • 390 dipendenti pubblici
  • 45.000 cittadini dell’UE raggiunti da attività transnazionali
  • 2.000.000 di cittadini raggiunti da campagna web/social


BUDGET PROGETTO
5.367.995 EUR



ANNO
2017 – 2020



SETTORI DI INTERVENTO  

Advocacy/Awareness raising/Comunicazione, Diritti umani e Governance/Accountability, Migrazioni e diaspora



SDGs
 SDGs Gender Equality SDGs Reduced Inequalities SDGs Sustainable cities and communities

LA STORIA DEL PROGETTO



PARTNER
15 consorzi finanziati

BUDGET PROGETTO
5555 EURO

PARTNER
15 consorzi finanziati

BUDGET PROGETTO
5555 EURO

PARTNER
15 consorzi finanziati

BUDGET PROGETTO
5555 EURO


  • €100.000

    valore progetto

  • 125

    alunni della scuola primaria

  • 250

    genitori

  • 20

    insegnanti

CONNETTERE: ALTRI PROGETTI

Prevenzione e lotta contro la dispersione scolastica in Lombardia

ERRE2 è un progetto triennale co-fondato da Impresa Sociale Con I Bambini, guidato dall’Opera Diocesana Patronato San Vincenzo. L’obiettivo principale è quello di creare e attivare una rete per creare un ambiente favorevole ai giovani, consentendo loro di sperimentare diverse opportunità innovative/educative e modelli di relazione educativa positiva. All’interno di ERRE2, PuntoSud promuove uno studio di impatto.

Leggi di più

Ambiente e processi partecipativi: Milano nel futuro

Il progetto “Milano in Cartoline – Immaginare la città del futuro” intende costruire un processo decisionale, partecipativo e democratico con i cittadini di 3 Quartieri di Milano (Ponte Lambro – Molise Calvairate Ponti – Gratosoglio), per progettare con loro il futuro sostenibile del territorio, in risposta al cambiamento climatico e per costruire coesione sociale.

Leggi di più

DG-ECHO

Formazione e servizi di supporto alla DG ECHO

Da oltre 15 anni supportiamo la Direzione Generale per gli Aiuti Umanitari e la Protezione Civile dell’Unione Europea (DG ECHO) per favorire una gestione corretta e trasparente degli interventi umanitari e una collaborazione efficiente ed efficace tra il soggetto donatore (UE) e le organizzazione beneficiarie dei fondi (ONG, Organizzazioni Internazionali e Agenzie specializzate degli Stati Membri).

Leggi di più

Prevenzione e lotta contro la dispersione scolastica in Lombardia


Prevenzione e lotta contro la dispersione scolastica in Lombardia

ERRE2 è un progetto triennale co-fondato da Impresa Sociale Con I Bambini, guidato dall‘Opera Diocesana Patronato San Vincenzo. L’obiettivo principale è quello di creare e attivare una rete per creare un ambiente favorevole ai giovani, consentendo loro di sperimentare diverse opportunità innovative/educative e modelli di relazione educativa positiva. All’interno di ERRE2, PuntoSud promuove uno studio di impatto.



ERRE2 è un progetto triennale cofinanziato da Impresa Sociale Con I Bambini, gestito da 23 partner che operano nella Provincia di Bergamo (Lombardia), guidati dall’Opera Diocesana Patronato San Vincenzo. Si basa sul presupposto che, nonostante l’alto livello di benessere, la povertà educativa rimanga un problema nell’area.

Nonostante un’elevata presenza di diverse offerte educative, i giovani spesso le percepiscono come inaccessibili con un impatto negativo sulla loro educazione personale, soprattutto se risiedono in aree svantaggiate. ERRE2 coinvolge alcune periferie della città di Bergamo dove è più presente la povertà educativa e punta sul fare per motivare i ragazzi che hanno vissuto un fallimento scolastico.

L’obiettivo principale è quello di creare e attivare una rete per creare un ambiente favorevole ai giovani, consentendo loro di sperimentare diverse opportunità innovative/educative e modelli positivi/stimolanti di relazione educativa. ERRE2 si occupa di riabilitazione degli spazi comuni, sostegno e coinvolgimento delle famiglie, rafforzamento del ruolo scolastico, rafforzamento delle abilità cognitive/non cognitive. I giovani sono direttamente coinvolti nella progettazione e realizzazione di attività educative/culturali all’interno/esterno della scuola. La scuola è promossa come hub centrale per la vita educativo/culturale giovanile e comunitaria supportata dalla rete territoriale. Il coinvolgimento di PuntoSud in ERRE2 è principalmente dedicato ad assicurare agli esecutori del progetto uno studio di impatto.

L’esercitazione è organizzata in 3 momenti: iniziale, al termine del progetto, e due anni dopo la conclusione delle attività. Il sistema di valutazione si concentra in particolare sul “modello” di rete implementato e su come questo modello supporti efficacemente il gruppo target individuato (preadolescenti e adolescenti).

In questo quadro, la valutazione indaga anche l’attesa interazione positiva tra Pubbliche amministrazioni, società civile e settore privato. La valutazione d’impatto utilizza un approccio teorico con uno studio statistico-descrittivo longitudinale.




Italia


Italia


WEBSITE






BENEFICIARI

  • Ragazzi (preadolescenti e adolescenti)


BUDGET PROGETTO
EUR 1.106.058,53



ANNO
2020 – 2025



SETTORI DI INTERVENTO  

Educazione/Istruzione, Povertà educativa, Società civile



SDGs
4 Quality Education SDGs Gender Equality SDGs Reduced Inequalities

LA STORIA DEL PROGETTO



PARTNER
15 consorzi finanziati

BUDGET PROGETTO
5555 EURO

PARTNER
15 consorzi finanziati

BUDGET PROGETTO
5555 EURO

PARTNER
15 consorzi finanziati

BUDGET PROGETTO
5555 EURO


  • €100.000

    valore progetto

  • 125

    alunni della scuola primaria

  • 250

    genitori

  • 20

    insegnanti

CONSOLIDARE: ALTRI PROGETTI

UR-Beira: rafforzamento dei servizi di emergenza urgenza medica nella città di Beira

UR-Beira: rafforzamento dei servizi di emergenza urgenza medica nella città di Beira è un progetto finanziato da AICS in Mozambico e coordinato da Regione Veneto, finalizzato al rafforzamento dei servizi sanitari di emergenza/urgenza gestiti dalle autorità locali nel distretto di Beira, con attenzione particolare alle emergenze ostetriche e pediatriche.

Leggi di più

ECG – NO ALLA GUERRA

La proposta del progetto di EMERGENCY mira a contribuire alla creazione di una società pacifica e inclusiva che rispetti i diritti umani e le diversità tra le diverse popolazioni, promuovendo una cultura di pace e non violenza con il coinvolgimento attivo dei cittadini in tutta Italia.

Leggi di più

Sri Lanka: Helpdesk per il programma DPC Tsunami Disaster

Il Programma Generale in Sri Lanka mirava a rispondere allo Tsunami del 26 dicembre 2004, fino alle realizzazioni della ricostruzione, dell’assistenza alla ripresa sociale ed economica locale.

Leggi di più

Inclusione scolastica degli studenti vulnerabili nella città di Genova


Inclusione scolastica degli studenti vulnerabili nella città di Genova

Dimension L‘UDA è un progetto triennale, co-fondato da Impresa Sociale Con I Bambini, guidato da Coop. soc. Il Ce.Sto. Persegue l’inclusione scolastica degli studenti vulnerabili delle aree svantaggiate della città metropolitana di Genova attraverso Unità Didattiche di Apprendimento – UDA, implementate dal progetto per avere un impatto sulle conoscenze e competenze degli alunni. All’interno del progetto PuntoSud promuove uno studio di impatto.



Dimensione L’UDA è un progetto triennale, cofinanziato da Impresa Sociale Con I Bambini, gestito da 12 partner operanti sul territorio genovese, guidati dalla Cooperativa Sociale Il Ce.Sto. Persegue l’inclusione scolastica degli studenti vulnerabili in particolare nelle aree disagiate della città metropolitana di Genova.

Si basa sul postulato fondamentale che l’inclusione è facilitata dall’aumento dei livelli di conoscenza e competenza degli studenti nel passaggio tra il 1° e il 2° ciclo scolastico (preadolescenti).

A tal fine prevede la definizione e somministrazione di un lotto di Unità Didattiche – UDA elaborate da un Comitato Scientifico, coerenti con il programma delle scuole, dotate di tecnologie e strumenti all’avanguardia, contestualizzate nel territorio di riferimento. Una prospettiva plausibile di continuità e sostenibilità del progetto è promossa attraverso la formazione specifica dei docenti e degli altri attori della comunità educante e l’apertura dell’area al pubblico.

PuntoSud è principalmente dedicato ad assicurare agli esecutori del progetto uno studio di impatto.

L’esercizio è organizzato in 3 momenti: iniziale, alla fine del progetto, e 2 anni dopo la conclusione delle attività. Il sistema di valutazione è incentrato sull’UDA e nel rilevare l’interesse e l’aumento di fiducia degli alunni nei confronti della scuola, il mantenimento dei meccanismi attivati ​​al termine dell’intervento dalle scuole e le condizioni rispetto alle quali l’iscrizione degli alunni alla scuola secondaria di secondo grado è facilitata anche grazie al progetto promozione delle attività.

PuntoSud è impegnata a sviluppare strumenti per la rilevazione dei risultati al fine di garantire un sistema di raccolta delle informazioni prioritarie (raccolta dati quantitativi di output e di esito).Viene promossa un’opera complementare di raccolta di informazioni qualitative relative all’attuazione del progetto (deviazione dal piano, criticità, punti di forza, opportunità). PuntoSud ha contribuito a supportare il capo progetto nella finalizzazione del sistema di monitoraggio.




Italia


Italia


WEBSITE






BENEFICIARI

  • Adolescenti (preadolescenti)


BUDGET PROGETTO
EUR 726.900,78



ANNO
2019 – 2023



SETTORI DI INTERVENTO  

Educazione/Istruzione, Povertà educativa



SDGs
4 Quality Education SDGs Gender Equality SDGs Reduced Inequalities

LA STORIA DEL PROGETTO



PARTNER
15 consorzi finanziati

BUDGET PROGETTO
5555 EURO

PARTNER
15 consorzi finanziati

BUDGET PROGETTO
5555 EURO

PARTNER
15 consorzi finanziati

BUDGET PROGETTO
5555 EURO


  • €100.000

    valore progetto

  • 125

    alunni della scuola primaria

  • 250

    genitori

  • 20

    insegnanti

CONSOLIDARE: ALTRI PROGETTI

UR-Beira: rafforzamento dei servizi di emergenza urgenza medica nella città di Beira

UR-Beira: rafforzamento dei servizi di emergenza urgenza medica nella città di Beira è un progetto finanziato da AICS in Mozambico e coordinato da Regione Veneto, finalizzato al rafforzamento dei servizi sanitari di emergenza/urgenza gestiti dalle autorità locali nel distretto di Beira, con attenzione particolare alle emergenze ostetriche e pediatriche.

Leggi di più

ECG – NO ALLA GUERRA

La proposta del progetto di EMERGENCY mira a contribuire alla creazione di una società pacifica e inclusiva che rispetti i diritti umani e le diversità tra le diverse popolazioni, promuovendo una cultura di pace e non violenza con il coinvolgimento attivo dei cittadini in tutta Italia.

Leggi di più

Sri Lanka: Helpdesk per il programma DPC Tsunami Disaster

Il Programma Generale in Sri Lanka mirava a rispondere allo Tsunami del 26 dicembre 2004, fino alle realizzazioni della ricostruzione, dell’assistenza alla ripresa sociale ed economica locale.

Leggi di più

Ambiente e processi partecipativi: Milano nel futuro


Immaginare la città del futuro per progettare con i cittadini un futuro sostenibile del territorio in risposta al cambiamento climatico e costruire coesione sociale.

Milano in Cartoline – Immaginare la città del futuro intende costruire un processo decisionale, partecipativo e democratico con i cittadini di 3 Quartieri di Milano (Ponte Lambro – Molise Calvairate Ponti – Gratosoglio), per progettare con loro il futuro sostenibile del territorio, in risposta al cambiamento climatico e per costruire coesione sociale.



Nell’ottica di costruire un processo decisionale, partecipativo e democratico con i cittadini dei 3 Quartieri di progetto – Ponte Lambro, Molise Calvairate Ponti e Gratosoglio – per progettare con loro il futuro sostenibile dei propri territori, in risposta al cambiamento climatico e per costruire coesione sociale, le 3 organizzazioni partner hanno svolto con i cittadini laboratori e workshop. Durante questi momenti, gli abitanti sono stati invitati a riflettere sui bisogni specifici del loro quartiere e delle varie realtà che vi coesistono, sulle risorse umane, materiali, energetiche e culturali e i punti di forza disponibili, e come fosse possibile valorizzarli ed incrementarli, creando una specifica visione locale della sostenibilità tramite un processo di design partecipativo e democratico.

Ogni azione ha dunque perseguito i seguenti obiettivi, in linea con gli obiettivi del progetto:

  • Approfondire con i partecipanti le tematiche legate alla sostenibilità ambientale, affinché conoscano le condizioni del pianeta e siano a conoscenza degli obiettivi internazionali per la sua salvaguardia;
  • Favorire comportamenti quotidiani ecosostenibili, identificati sulla base di specifici bisogni riscontrati anche in prima persona;
  • Ideare strategie, strumenti, soluzioni per migliorare quartieri e città dal punto di vista ambientale;
  • Sensibilizzare alla sensibilizzazione su più larga scala.



Italia


Italia


WEBSITE






BENEFICIARI

  • 1.500 tra studenti, insegnanti e famiglie


BUDGET PROGETTO

EUR 86.950



ANNO

2021 – 2022



SETTORI DI INTERVENTO  

Advocacy/Awareness raising/Comunicazione, Ambiente/Lotta al cambiamento climatico, Capacity building e formazione



SDGs
SDGs Reduced Inequalities SDGs Sustainable cities and communities SDGs Climate Action

IL PROGETTO IN NUMERI



  • 86.950

    valore progetto

  • 1.500

    studenti, insegnanti e famiglie

CONNETTERE: ALTRI PROGETTI

Snapshots From the Borders

Snapshots From the Borders è un progetto triennale volto a rafforzare una nuova rete attiva tra le città che affronti direttamente i flussi migratori alle frontiere dell’UE, come modo per promuovere una più efficace coerenza delle politiche a tutti i livelli.

Leggi di più

Prevenzione e lotta contro la dispersione scolastica in Lombardia

ERRE2 è un progetto triennale co-fondato da Impresa Sociale Con I Bambini, guidato dall’Opera Diocesana Patronato San Vincenzo. L’obiettivo principale è quello di creare e attivare una rete per creare un ambiente favorevole ai giovani, consentendo loro di sperimentare diverse opportunità innovative/educative e modelli di relazione educativa positiva. All’interno di ERRE2, PuntoSud promuove uno studio di impatto.

Leggi di più

DG-ECHO

Formazione e servizi di supporto alla DG ECHO

Da oltre 15 anni supportiamo la Direzione Generale per gli Aiuti Umanitari e la Protezione Civile dell’Unione Europea (DG ECHO) per favorire una gestione corretta e trasparente degli interventi umanitari e una collaborazione efficiente ed efficace tra il soggetto donatore (UE) e le organizzazione beneficiarie dei fondi (ONG, Organizzazioni Internazionali e Agenzie specializzate degli Stati Membri).

Leggi di più

Migrazioni, diaspora e sviluppo economico in Senegal


Progetto per contrastare la migrazione illegale attraverso il supporto al settore privato e la creazione di impiego in Senegal

PASPED è un progetto della durata di 21 mesi e finanziato da AICS Dakar finalizzato a promuovere lo sviluppo socio-economico del Senegal, attraverso la valorizzazione della diaspora senegalese e degli scambi fra Europa e Italia. 70 idee imprenditoriali, promosse da cittadini senegalesi che vivono in Italia (e/o Europa) saranno selezionate e supportate nell’elaborazione di business plans.



PASPED (Projet de contraste à la migration irrégulière à travers l’appui au Secteur Privé et à la création d’emplois au Sénégal) è un progetto della durata di 21 mesi e finanziato da AICS Dakar finalizzato a promuovere lo sviluppo socio-economico del Senegal, attraverso la valorizzazione della diaspora senegalese e degli scambi fra Europa e Italia.

L’idea di progetto nasce dalla collaborazione e dagli scambi con la diaspora senegalese in Italia e dall’obiettivo condiviso di promuovere idee imprenditoriali di cittadini senegalesi da realizzare nel loro paese d’origine, e – al contempo – di rafforzare le inter-connessioni fra Italia e Senegal e favorire la migrazione circolare.

In questo quadro, il progetto PASPED intende accrescere la conoscenza delle misure di supporto messe a disposizione dal progetto PLASEPRI/PASPED, da parte dei cittadini senegalesi in Italia, grazie alla rete di punti informativi e in collaborazione con i consolati di Milano e Napoli.

In particolare, verranno selezionate 70 idee imprenditoriali e i loro promotori supportati, grazie a formazione e coaching, nell’elaborazione dei business plan che saranno presentati ad AICS Dakar, che potrà riconoscere (ad almeno 50) un contributo finanziario a fondo perduto.

I risultati attesi grazie al progetto sono:

  • 70 idee imprenditoriali sono selezionate per essere elaborate, grazie ad un pacchetto diversificato di misure di supporto, per essere realizzate in Senegal
  • 13 operatori socio-economici sono stati selezionati nella diaspora senegalese per accompagnare lo sviluppo delle idee imprenditoriali
  • Almeno 42000 persone della diaspora senegalese sono informate sulle opportunità per lo sviluppo imprenditoriale nel loro paese d’origine




Italia, Senegal


WEBSITE


SETTORI DI INTERVENTO  

Capacity building e formazione, Migrazioni e diaspora, Supporto all’imprenditoria/Microcredito/Microfinanza



PARTNER





BENEFICIARI

  • 70 uomini/donne d’affari senegalesi, presenti legalmente in Italia e/o Europa, sono sostenute nello sviluppo di una loro idea di business da realizzare nel loro paese d’origine
  • 300 cittadini senegalesi hanno accesso a formazione e informazioni
  • 42.000 cittadini senegalesi sono sensibilizzati sui temi del progetto


BUDGET PROGETTO
EUR 19.974,83



ANNO
2021 – 2022



SDGs
SDGs Reduced Inequalities


IL PROGETTO IN NUMERI



  • € 19.974,83

    budget progetto

  • 70

    imprenditori senegalesi supportati

  • 300

    cittadini senegalesi formati

  • 42.000

    cittadini senegalesi sensibilizzati

CONSOLIDARE: ALTRI PROGETTI

UR-Beira: rafforzamento dei servizi di emergenza urgenza medica nella città di Beira

UR-Beira: rafforzamento dei servizi di emergenza urgenza medica nella città di Beira è un progetto finanziato da AICS in Mozambico e coordinato da Regione Veneto, finalizzato al rafforzamento dei servizi sanitari di emergenza/urgenza gestiti dalle autorità locali nel distretto di Beira, con attenzione particolare alle emergenze ostetriche e pediatriche.

Leggi di più

ECG – NO ALLA GUERRA

La proposta del progetto di EMERGENCY mira a contribuire alla creazione di una società pacifica e inclusiva che rispetti i diritti umani e le diversità tra le diverse popolazioni, promuovendo una cultura di pace e non violenza con il coinvolgimento attivo dei cittadini in tutta Italia.

Leggi di più

Sri Lanka: Helpdesk per il programma DPC Tsunami Disaster

Il Programma Generale in Sri Lanka mirava a rispondere allo Tsunami del 26 dicembre 2004, fino alle realizzazioni della ricostruzione, dell’assistenza alla ripresa sociale ed economica locale.

Leggi di più

NoPlanetB

NOPLANETB UE: piccole azioni per grandi impatti sul cambiamento climatico


NOPLANETB – There isn’t a PLANet B! Win-win strategies and small actions for big impacts on climate change

NOPLANETB è un programma nato per favorire la diffusione di stili di vita sostenibili finanziando le migliori iniziative di comunicazione, sensibilizzazione e advocacy volte al contrasto ai cambiamenti climatici e promosse dalle organizzazioni della società di piccole e medie dimensioni, che beneficiano di un percorso di rafforzamento delle loro competenze e consolidano e/o ampliano la loro rete.



NOPLANETB è un progetto di advocacy e campaigning, co-finanziato dall’Unione Europea nell’ambito del Programma Development Education and Awareness Raising (DEAR), che ha l’obiettivo di supportare e favorire il coinvolgimento, la partecipazione e l’impegno dei cittadini sul tema della sostenibilità ambientale, in un’ottica di sviluppo globale.

Il progetto ha l’obiettivo di creare un ambiente favorevole attorno al concetto che “non esiste un PIANETA B”, in cui le organizzazioni della società civile di piccole e medie dimensioni svolgano azioni efficaci all’interno di un quadro comune condiviso, volto ad aumentare l’efficacia e la rilevanza dell’intervento, favorendo la creazione e il consolidamento di reti, a livello nazionale ed internazionale.

Le organizzazioni della società civile di piccole e medie dimensioni rappresentano il target principale del progetto, in quanto possono svolgere un ruolo fondamentale nella promozione di un cambiamento delle abitudini e dei comportamenti delle persone per diffondere stili di vita più sostenibili a livello locale. Le piccole azioni, che insistono su un territorio, infatti sono in grado di produrre benefici per la comunità di riferimento e di fare pressione sui livelli superiori di governance per istituzionalizzare buone pratiche e proporre soluzioni innovative, costruite dal basso. Le organizzazioni della società civile sono quindi in grado di connettere e mettere in relazione i diversi segmenti della società civile, nell’ottica di una transizione consapevole e reale verso stili di vita più sostenibili.

L’impatto del progetto si concretizza su tre diversi livelli:

  • Livello locale: le organizzazioni della società civile hanno realizzato piccole azioni coinvolgendo la cittadinanza e le comunità locali, in collaborazione con le istituzioni locali, con l’obiettivo di modificare i comportamenti dei/delle cittadini/e e dei decisori politici;
  • Livello nazionale: si attiva una collaborazione tra le organizzazioni della società civile coinvolte e altri attori chiave all’interno del proprio paese;
  • A livello paneuropeo: le organizzazioni della società civile in collaborazione con i partner del sono intervenuti a livello europeo con azioni coordinate e con un approccio coerente nei sei paesi del network..

Per poter produrre il suddetto impatto, NOPLANETB ha individuato tre componenti principali:

    • Supporto finanziario: un modello di regranting rivolto alle organizzazioni della società civile dei 6 paesi europei del network, per l’implementazione di progetti di qualità che contribuiscono alle priorità condivise stabilite dal progetto,
    • Sviluppo delle capacità / condivisione delle conoscenze: un percorso di accompagnamento delle organizzazioni beneficiarie del supporto finanziario con l’obiettivo di rafforzarne le competenze tematiche e gestionali durante l’ideazione e l’implementazione dei loro progetti,
    • Rafforzamento delle opportunità di networking: la costruzione di una rete, che valorizzi il capitale sociale, intercetti ambiti di collaborazione, identifichi nuove idee e ottimizzi i costi. L’attivazione di contatti e lo scambio di esperienze sono fattori chiave per creare effetti moltiplicatori e massimizzare l’impatto delle azioni proposte.

Le nostre attività principali

      • Sostegno finanziario alle organizzazioni della società civile di piccole e medie dimensioni selezionate nei sei paesi partner;
      • Istituzione di un helpdesk a supporto delle OSC selezionate nell’ottica di un accompagnamento costante durante l’ideazione e la gestione dei progetti;
      • Definizione ed erogazione di un programma di formazione condiviso dal network ma che ha tenuto conto delle e peculiarità di ciascun paese partner;
      • Sviluppo di una strategia di comunicazione comune e creazione di un hub virtuale per raccogliere, promuovere e condividere esperienze e buone pratiche;
      • Organizzazione di conferenze/incontri con soggetti terzi e autorità locali in ciascun paese partner.





Europa


Germania, Italia, Portogallo, Romania, Spagna, Ungheria


WEBSITE






BENEFICIARI

      • 500.000 cittadini europei
      • 90 organizzazioni piccole e medie della società civile europea
      • Governi locali


BUDGET
EUR 4.569.531



ANNO
2017 – 2021



SETTORI DI INTERVENTO  

Advocacy/Awareness raising/Comunicazione, Ambiente/Lotta al cambiamento climatico, Granting e Sub-granting, Società civile, Sviluppo sostenibile



SDGs
SDGs Sustainable cities and communities SDGs Climate Action


IL PROGETTO IN NUMERI



      • € 4.569.531

        valore progetto

      • 500.000

        cittadini europei

      • 90

        organizzazioni

CONNETTERE: ALTRI PROGETTI

Snapshots From the Borders

Snapshots From the Borders è un progetto triennale volto a rafforzare una nuova rete attiva tra le città che affronti direttamente i flussi migratori alle frontiere dell’UE, come modo per promuovere una più efficace coerenza delle politiche a tutti i livelli.

Leggi di più

Prevenzione e lotta contro la dispersione scolastica in Lombardia

ERRE2 è un progetto triennale co-fondato da Impresa Sociale Con I Bambini, guidato dall’Opera Diocesana Patronato San Vincenzo. L’obiettivo principale è quello di creare e attivare una rete per creare un ambiente favorevole ai giovani, consentendo loro di sperimentare diverse opportunità innovative/educative e modelli di relazione educativa positiva. All’interno di ERRE2, PuntoSud promuove uno studio di impatto.

Leggi di più

Ambiente e processi partecipativi: Milano nel futuro

Il progetto “Milano in Cartoline – Immaginare la città del futuro” intende costruire un processo decisionale, partecipativo e democratico con i cittadini di 3 Quartieri di Milano (Ponte Lambro – Molise Calvairate Ponti – Gratosoglio), per progettare con loro il futuro sostenibile del territorio, in risposta al cambiamento climatico e per costruire coesione sociale.

Leggi di più

Contrasto alla povertà energetica: valutazione dei Bandi Doniamo Energia


Doniamo Energia

Attraverso la valutazione dei bandi Doniamo Energia, promossi da Fondazione Cariplo e da Banco dell’energia, contribuiamo allo sviluppo di modelli di intervento finalizzati ad evitare che le famiglie lombarde possano scivolare in situazione di fragilità, puntando sulla valorizzazione delle competenze e delle reti territoriali.



Scarsa educazione, alimentazione ed energia: sono queste le tre dimensioni della povertà che Fondazione Cariplo si impegna a combattere insieme a istituzioni, onlus e imprese, secondo un modello basato sui tre pilastri pubblico, privato e sociale.

L’incontro tra Fondazione Cariplo e Banco dell’energia ha permesso di coniugare risorse e competenze per sostenere le persone in fragilità economica con percorsi di sostegno e “ripartenza” a 360°, innanzitutto attraverso la distribuzione dei beni di prima necessità o il pagamento di spese urgenti come le bollette di qualsiasi operatore energetico, per poi pensare a percorsi di presa in carico e riattivazione, che prevedano forme di lavoro e di reinserimento sociale e di ripensamento delle risorse per la collettività, in un’ottica di welfare generativo.

Il programma “Doniamo Energia”, giunto alla sua terza edizione, è promosso in collaborazione Fondazione Cariplo e Banco dell’energia, ed è una delle iniziative per combattere la povertà in Italia a cui, nel corso delle diverse edizioni, hanno preso parte 38 consorzi composti da onlus ed enti locali che hanno presentato congiuntamente molteplici progetti finanziati dal bando.

Le nostre attività principali

  • Accompagnamento dei soggetti selezionati per facilitare lo sviluppo di idee progettuali e la realizzazione dei progetti attraverso un piano di monitoraggio fattibile ed efficace. Per svolgere al meglio questa funzione è stato predisposto un supporto di helpdesk e follow-up finalizzato a garantire la raccolta dei dati e il superamento di eventuali difficoltà operative di tali attività.
  • Attuazione di un sistema di monitoraggio e rendicontazione dello stato di avanzamento del programma, in grado di rilevare sistematicamente l’attuazione delle attività progettuali e di produrre le informazioni necessarie per il controllo periodico e complessivo dei progetti (raccolta di dati quantitativi di output e outcome; raccolta di informazioni qualitative relative all’attuazione dei progetti (deviazione dal piano, criticità, elementi di forza e opportunità).
  • Valutazione critica del programma per i donatori, con l’obiettivo di evidenziare e comunicare ai rappresentanti di Fondazione Cariplo, A2A Spa e Banco dell’Energia Onlus, lo stato di avanzamento del programma e lo sviluppo di un’esperienza di valutazione complessiva.


Italia


Italia


WEBSITE


PARTNER





BENEFICIARI

  • circa 6.000 persone


BUDGET PROGETTO
EUR 7.400.000



ANNO
2017-2022



SETTORI DI INTERVENTO  

Advocacy/Awareness raising/Comunicazione, Capacity building e formazione, Diritti umani e Governance/Accountability, Società civile



SDGs
SDGs Reduced Inequalities


LA STORIA DEL PROGETTO



PROGETTI & PARTNERS

15 progetti finanziati

BUDGET PROGETTO

2.000.000 EUR

PROGETTI & PARTNERS

16 progetti finanziati

BUDGET PROGETTO

3.400.000 EUR

PROGETTI & PARTNERS

17 progetti finanziati

BUDGET PROGETTO

2.000.000 EUR


  • €100.000

    valore progetto

  • 125

    alunni della scuola primaria

  • 250

    genitori

  • 20

    insegnanti

CONSOLIDARE: ALTRI PROGETTI

UR-Beira: rafforzamento dei servizi di emergenza urgenza medica nella città di Beira

UR-Beira: rafforzamento dei servizi di emergenza urgenza medica nella città di Beira è un progetto finanziato da AICS in Mozambico e coordinato da Regione Veneto, finalizzato al rafforzamento dei servizi sanitari di emergenza/urgenza gestiti dalle autorità locali nel distretto di Beira, con attenzione particolare alle emergenze ostetriche e pediatriche.

Leggi di più

ECG – NO ALLA GUERRA

La proposta del progetto di EMERGENCY mira a contribuire alla creazione di una società pacifica e inclusiva che rispetti i diritti umani e le diversità tra le diverse popolazioni, promuovendo una cultura di pace e non violenza con il coinvolgimento attivo dei cittadini in tutta Italia.

Leggi di più

Sri Lanka: Helpdesk per il programma DPC Tsunami Disaster

Il Programma Generale in Sri Lanka mirava a rispondere allo Tsunami del 26 dicembre 2004, fino alle realizzazioni della ricostruzione, dell’assistenza alla ripresa sociale ed economica locale.

Leggi di più